la vera Vera

Amo sentire lo zucchero tra i denti, amo le ore davanti a un cappuccino con un’amica, amo rotolarmi in un prato e sentire l’erba che mi punge attraverso i vestiti e soffermarmi con lo sguardo su ogni singolo stelo d’erba, amo raccogliere le fragoline dall’orto della mamma e assaporarle seduta nel prato. In questa vita non mi stuferò mai di andare in una libreria e aprire i libri per sentire l’odore di “nuovo”, di perdermi in un mercatino delle pulci cercando di immaginare ogni singola storia che potrebbe avere un oggetto, della sensazione meravigliosa di quando ti togli gli scarponi da sci e qualsiasi scarpa tu indossi ti sembra di camminare sull’ovatta. E quanto è meraviglioso buttarsi sul letto dell’albergo ancora prima di aver tolto la giacca e le scarpe lasciando andare tutto lo stress del viaggio, raccogliere le conchiglie in spiaggia e lasciarsi colorare dall’alba, mangiare l’impasto della torta che rimane sulla ciotola con le dita e sporcarsi tutto il viso, pomiciare in un cinema come quindicenni; mi piace da impazzire il gelato al té verde, vedere la brina evaporare, intravvedere degli animali mentre faccio una passeggiata in montagna, lasciarmi andare in quel dormiveglia in cui sprofondo quando prendo il sole. Vorrei tanto guardare ancora una volta le stelle, sdraiata accanto al fuoco e alla tenda, con le gambe dolenti per la lunga passeggiata ma con l’anima pura come l’aria che respiro, adoro togliermi tutti i vestiti e buttarmi nel lago in mezzo alla notte, per poi stare ad osservare la luna e le stelle mentre il mio corpo nudo galleggia nell’oscurità, quasi sospesa tra due mondi. Adoro i grattini sulla fronte, la sensazione di quando ti sei appena depilata le gambe e ti infili i jeans. Stravedo per l’odore dei vestiti appena lavati, per la consistenza del muschio, per i baci dati a un’amica con la testa che gira per l’alcool (o per le emozioni?), per gli animali che ti si addormentano in braccio, per il profumo alla vaniglia che hanno le candele, per le colazioni buffet negli alberghi, per le serate davanti al camino d’invero con il cuore caldo e un metro di neve fuori. Mi piace preparare la colazione per qualcuno e portargliela a letto, camminare in un bosco con il viso rivolto al cielo, il mondo ovattato che ti avvolge quando nevica la prima volta, mi piace raccogliere i mirtilli nel bosco e mangiarne fino a quando la mia lingua è viola, mi piace spacchettare i regali, mi piace l’ultimo giorno di scuola. Amo sentire il gusto salato dell’acqua del mare, amo fare i picnic in montagna con dei panini, dei salametti, delle uova sode e dei pomodori, amo quando gli spruzzi d’acqua di una cascata formano l’arcobaleno, amo la sigaretta dopo aver fatto l’amore. E come dimenticare quanto mi piacciano le feste in spiaggia, ascoltare qualcuno che suona la chitarra, le ore buche comunicate all’ultimo momento, il sorriso dei miei nonni, il sole, l’estate, la vita. Amo tutto questo.

3 pensieri su “la vera Vera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...